Dove siamo

Mappe
Attualmente i Cappuccini marchigiani sono presenti in Benin ed in Etiopia. La Missione nel Benin partita nell’Ottobre del 1987, portò 8 frati cappuccini nella capitale, Cotonou, molto calda e umida, con molte problematiche tra cui la malaria.

Ora i Cappuccini gestiscono tre case nelle località di Cotonou, Ouidah e Ina (a 500Km a nord di Cotonou). Nella Grande città di Cotonou nel 2000 è iniziato l’impegno dei frati nei confronti dei ragazzi di strada: è stato aperta una nuova casa per i bambini orfani: l’orfanotrofio “S.Giuseppe” accoglie e forma i ragazzi e allo stesso tempo sensibilizza la popolazione sul rispetto e sulla dignità dell’infanzia.

Andando a ritroso nel tempo, ci si deve spostare in Etiopia, dove alla fine del 1969 i Missionari Cappuccini marchigiani iniziarono la loro avventura a Soddo e Dubbo. Nel 1976 venne aperta una ulteriore casa missionaria a Boditti. Sono queste ad oggi le tre principali opere missionarie in Etiopia, sempre in continuo sviluppo ed espansione.

Ma la vocazione missionaria dei frati Cappuccini delle Marche è da far risalire alle prime Costituzioni cappuccine del 1536, e nella storia delle missioni più recenti si deve ricordare la Missione bahiana (Brasile). Infatti i Cappuccini marchigiani avevano già dal 1892 la loro missione in Brasile: la “missione di Bahia e Sergipe”, ma i giovani cappuccini, nella prima metà degli anni settanta, avevano diversa aspirazione: il Brasile forse mancava di Clero, ma non si poteva considerare un territorio di prima evangelizzazione. Dietro una petizione degli studenti di filosofia (Ancona) e teologia (Loreto), venne approvata la proposta di una nuova missione, avanzata nel capitolo provinciale del 1967. La scelta dei luoghi cadde sul Wolayta (Etiopia).